“If you see her say hello”


Non so se Riccardo Zanetti conosce “If you see her say hello” di Bob Dylan (sta in Blood on the tracks del 1975) oppure la versione che nel 2003 Francesco De Gregori ha tradotto in “Non dirle che non è così”. Non è tra le canzoni che lui ascolta in “Quello che manca” eppure è una delle canzoni che meglio rappresenta lo sguardo di colui che ricorda un amore lasciato dietro le spalle.

Un uomo parla con una persona che forse potrà vedere la donna che lui ha perso e non importa se ora c’è un’altra nella vita di lui o un’altro in quella di lei. Quello che conta è il disarmo cui l’amore obbliga non solo quando nasce o brucia ardentemente ma anche quando finisce oppure quando è impossibile.

Ogni volta che penso ad una storia finita penso a questa canzone e a come Dylan abbia saputo tirare fuori tutte le sfumature di un sentimento così complesso. Non credo si possa vivere senza la delicatezza di quell’arpeggio iniziale, specialmente se si sa che già dalla prima strofa il proprio sguardo sarà messo a nudo.

“Say for me that I’m all right though things get kind of slow
She might think that I’ve forgotten her, don’t tell her it isn’t so”

L’eterna indecisione tra urlare la propria sofferenza regalando una soddisfazione forse ingiusta e  nasconderla finendo per fingersi altro da quello che si è. Non c’è strada corretta in questa scelta. Non c’è affermazione c’è solo una doppia negazione. Poi c’è l’inevitabilità della fine, l’atrocità del distacco e la tenerezza del ricordo. Un capolavoro assoluto.

Se la vedi dille “Ciao” (traduzione)

Se la vedi dille ciao, potrebbe essere a Tangeri
Se n’è andata a inizio primavera e credo che ora viva lì
Dille da parte mia che va tutto bene anche se in modo noioso
E se pensa che io l’abbia dimentica, non dirle che non è così

Abbiamo avuto molti problemi come succede spesso a chi si ama
se penso  alla notte in cui se n’è andata mi vengono ancora i brividi
E per quanto la nostra separazione mi abbia spezzato il cuore
lei vive ancora dentro di me e dentro di me non ci siamo ancora lasciati

Se arrivi vicino a lei dalle un bacio da parte mia
Ho sempre avuto rispetto perchè ha mandato tutto all’aria per la libertà
E mai mi metterò in mezzo alla strada che la porta alla felicità
Nonostante l’amaro che ho in bocca dalla notte in cui cercai di farla rimanere qui

Giro molto e vedo un sacco di gente
E sento il suo nome continuamente  mentre giro per le strade
Ma non c’ho ancora fatto l’abitudine, ho imparato solo a non pensarci
Forse sono troppo sensibile oppure sto diventando troppo tenero

Tramonto, luna gialla, rivedo il passato
Ogni scena è stampata nel cuore ma scorre molto velocemente
Se dovesse tornare da queste parti non le sarà difficile trovarmi
Dille che può cercarmi se ne avrà il tempo

Annunci

5 commenti

Archiviato in De Gregori, Dylan, Musica

5 risposte a ““If you see her say hello”

  1. NightNurse

    la versione italiana di franci è leggermente diversa..
    ma lui è sublime!!lo adoro!!

  2. ciao night nurse

    la versione di franci, come lo chiami tu… ;-), oltre ad essere diversa è sicuramente migliore… io volevo solo fare una traduzione un po’ più aderente e senza permettermi contributi poetici. d’altra parte lui è davvero sublime e io lo seguo da quando avevo dieci anni e comprai il mio primo disco arraffandolo in modo piuttosto casuale in uno scaffale della UPIM. era il 1979 e il disco era una raccolta delle RCA “Il mondo di… franci”

    paolo

  3. giorgio

    bè ho appena saputo che “non dirle che non è cosi” è una cover!ma io stimo sia bob dylan che de gregori!son due grandi a cui stringerei volentieri la mano!questa è una canzone che fa apposta per questo periodo(mio)!devo dire che la canzone di bob leggendola è fenomenale!ma come la canta francesco non è da meno!
    giorgio

  4. My partner and I stumbled over here different web address and thought I may as well check things out.
    I like what I see so now i’m following you. Look forward to looking over your web page repeatedly.

  5. Vittoria

    Quando ho ascoltato per la prima volta questa canzone ho rivissuto la mia storia finita ormai quasi da un anno.Esprime la stessa sensazione strana. Provare qualcosa e non poterlo esprimere perché sai che non sarebbe la cosa giusta. Il senso di repressione che si prova dentro è incontrollabile e più grida e più lo soffochi, fino a corroderti l’anima, trasformando il tuo cuore in una pietra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...